Home » UN ALTRO CALCIO E’ POSSIBILE: LA STORIA GIALLOVERDE DI SARA LUCCI
Intervista Lady Sport news

UN ALTRO CALCIO E’ POSSIBILE: LA STORIA GIALLOVERDE DI SARA LUCCI

U

La Storia Gialloverde è un percorso concreto realizzato grazie al supporto del Grifone Gialloverde e del progetto Un Altro Calcio è Possibile. E’ una storia di sport, una storia di vita, è una storia da raccontare come esempio, per diffondere e valorizzare i valori e gli insegnamenti che possono provenire dal mondo sportivo e attraverso il calcio. 

Impatto gialloverde: cosa hai trovato nel Grifone come Società?

Entrare a far parte del Grifone Gialloverde ha rappresentato per me una seconda vita calcistica, dato che gravi infortuni e qualche delusione personale mi avevano portata ad appendere “le mie scarpe preferite”. È successo tutto con molta naturalezza e la cosa mi ha anche aiutata nell’affrontare una nuova operazione al ginocchio.  Ad oggi posso dire di essere guarita e per questo devo ringraziare la Società e in particolare il Direttore Tecnico Berruti e Jarir, il fisioterapista della società. Loro in particolare ma tutto l’ambiente gialloverde mi ha sostenuta e supportata. Sia nello staff che nella squadra ho trovato persone che già conoscevo e questo ha sicuramente facilitato il tutto. Lo stimolo più grande per me è quello di poter dare il mio contributo nel percorso di crescita delle ragazze, avendo dalla mia tanta esperienza da dare. Oggi finalmente, grazie al Grifone, tutto questo è possibile.  

 Hai superato un infortunio difficile, cosa ti ha insegnato questa esperienza e cosa ti ha insegnato il calcio (lo sport) in generale? Resilienza. Lo sport mi ha insegnato a stare bene nel mondo, a gestire i rapporti umani, ad affrontare la difficoltà, a superare le delusioni e capire che si impara più da una sconfitta che da una vittoria. Un mantra moderno dice: “Ever tried. Ever failed. No matter. Try again. Fail again. Fail better.”. Questa frase, questo concetto, mi rispecchia in pieno ed è quello che penso che possa insegnare lo sport.

 Il Grifone è impegnato in progetti di responsabilità sociale. E’ sempre in prima linea per iniziative di solidarietà cercando di interpretare concretamente il motto “Un Altro calcio è possibile”. Quali sono secondo te i valori che contraddistinguono il club? La cosa che più mi ha colpito e che ci tengo a sottolineare è la volontà del club di mettere sempre davanti a tutto l’interesse nella crescita degli atleti. L’obiettivo è quello di vedere a fine anno giocatrici/giocatori migliori, si da un punto di vista tecnico, ma soprattutto nei comportamenti, nell’educazione, nel rispetto di se stessi e degli altri. Un Altro Calcio è Possibile è un progetto unico nel suo genere, unico nella concretezza dell’iniziativa, dei progetti, degli eventi e appunto delle #StorieGialloverdi, a partire dalla mia.  “Un altro calcio” è qualcosa che si costruisce solo se ci sono dietro persone che hanno la voglia di farlo mista a tanta passione. Ciò che ho trovato qui al Grifone Gialloverde.