Home » Sara Gama: “Vogliamo trasmettere grosse emozioni agli italiani”
Conferenze stampa Intervista

Sara Gama: “Vogliamo trasmettere grosse emozioni agli italiani”

La Ct Bertolini: “L’Australia è forte, per vincere servirà compattezza

Atmosfera da notte prima degli esami per la Nazionale Femminile, che domani (ore 13 – diretta su Rai 2 e Sky Mondiali, canale 202) allo ‘Stade du Hainaut’ di Valenciennes affronterà l’Australia nel match d’esordio del Mondiale francese. Un Mondiale che ha preso ufficialmente il via ieri sera al ‘Parco dei Principi’ di Parigi, dove la Francia ha travolto 4-0 la Corea del Sud confermando di essere tra le favorite del torneo.

A Valenciennes, che si è svegliata oggi sotto forti raffiche di vento culminate in un temporale nel primo pomeriggio, l’Italia giocherà davanti a oltre 17.000  spettatori e sotto gli occhi del presidente federale Gabriele Gravina e del direttore generale Marco Brunelli, con tantissimi tifosi che seguiranno il debutto delle Azzurre davanti alla Tv. Sugli spalti ci sarà anche Cecilia Salvai, che questo Mondiale avrebbe dovuto viverlo da protagonista se due mesi fa non si fosse lesionata il crociato nel big match di campionato tra Juventus e Fiorentina.

Vent’anni dopo l’ultima partecipazione alla fase finale del Mondiale, l’Italia si pone come primo obiettivo il superamento del girone per poter mettere nel mirino anche i tre posti per il torneo femminile di calcio dei Giochi Olimpici di Tokyo 2020 assegnati alle migliori nazionali europee. Dopo aver svolto l’allenamento di rifinitura sul campo dello Stadio ‘Christophe Laurent’, la squadra ha raggiunto lo ‘Stade du Hainaut’ per il walk around e per la conferenza stampa di Milena Bertolini e Sara Gama. “L’Australia è una squadra molto forte – le parole della Ct – lo dice la posizione nel ranking (6° posto, ndr). Hanno grande fisicità e intensità di gioco, oltre ad avere talenti importanti, come Sam Kerr. A livello femminile fisicità e intensità fanno la differenza”.

Il Ct australiano Ante Milicic, dallo scorso febbraio alla guida delle ‘Matildas’, in conferenza stampa si è sperticato in elogi nei confronti dell’Italia. Ha sottolineato la qualità del reparto offensivo, facendo i nomi di Sabatino, Mauro e Bonansea, mettendo in risalto l’intelligenza e l’organizzazione tattica di una Nazionale cresciuta tantissimo negli ultimi anni: “Fa piacere ma da un lato dispiace – ha risposto sorridendo Milena Bertolini ai cronisti che le riportavano le parole di Milicic – perché vuol dire che non ci sottovalutano. Se una nazionale come l’Australia dice di temerci significa che abbiamo fatto tanti passi in avanti e che il movimento è cresciuto. Mi fa anche piacere che inizino a uscire nomi di giocatrici italiane, che vengano tenute in considerazione. Queste ragazze si allenano sempre al massimo, con grande passione e voglia di migliorarsi e meritano tutte le cose belle che sono state dette su di loro”. Le ultime sconfitte in amichevole dell’Australia non sono significative per la Ct, che indica la strada da seguire per contrastare il vigore fisico delle ‘Matildas’: “E’ vero, hanno subito otto gol nelle ultime due partite, ma hanno giocato contro la squadra più forte del Mondo, gli Stati Uniti e con l’Olanda, che sarà tra le protagoniste del torneo. Domani sarà importante essere compatte, dovremo essere attente tatticamente”. L’Italia non giocherà per il pareggio: “Iniziamo sempre le partite per vincerle, anche con l’Australia scenderemo in campo per conquistare i tre punti. Oltre al risultato mi interessa la prestazione delle ragazze, sarà importante far vedere un bel calcio ed esprimere una buona qualità di gioco: è questo il primo veicolo per fidelizzare le persone”.

A chi le fa presente che nel gruppo azzurro l’unica rappresentante dell’Italia meridionale è la siciliana Rosalia Pipitone, la Ct replica: “E’ vero e non va bene. La Nazionale ha un ruolo importante nella promozione del calcio femminile e per questo sarebbe importante andare a giocare in futuro qualche partita al Sud, dove troveremmo molto calore. Lì ci sono tantissimi talenti, molte ragazze potenzialmente forti”. 

Come tutte le sue compagne, Sara Gama è al debutto in un Mondiale: “E’ la vigilia più attesa, ci stiamo preparando da molto tempo e abbiamo voglia di affrontare la competizione che ogni calciatrice sogna di giocare quando è piccola. Siamo abbastanza serene, anche se non eravamo abituate a tutta questa attenzione. Sappiamo che dobbiamo rimanere fedeli al campo e ai nostri valori, che sono quelli che trasmettiamo e rappresentano una parte importante del calcio femminile. Stiamo ben piantate con i piedi per terra e allo stesso tempo ci godiamo il momento”. Anche alla capitana fanno piacere i complimenti del Ct australiano: “Vuol dire che abbiamo lavorato bene, è significativo che anche altre nazionali inizino a temerci. Siamo consapevoli della nostra crescita, i risultati dimostrano quanto siamo migliorate negli ultimi due anni. Ma dobbiamo scendere in campo umili contro una squadra che è sesta nel ranking mondiale”. Allegria e determinazione possono coesistere, anzi sono qualità fondamentali per poter andare avanti in un Mondiale: “ Siamo delle ragazze che si divertono in campo e lottano per onorare la maglia fino alla fine. Vogliamo trasmettere grosse emozioni agli italiani e dare sempre il 100% in campo”.

cit: addetto stampa Nazionale Femminile