Home » ROSANNA PISANO: “DIFENDERE, SMETTERE DI PENSARE E MUOVERSI D’ISTINTO”
Intervista

ROSANNA PISANO: “DIFENDERE, SMETTERE DI PENSARE E MUOVERSI D’ISTINTO”


Rosanna Pisano scopre in tarda età la passione per il calcio e pur essendo mamma non rinuncia certo a questa sua scoperta sorprendente. Le scarpette da gioco con i tacchetti la attendono e così dal calcio a 5 quest’anno giocherà in una squadra a undici. Rosanna Pisano ha apposto la sua firma al contratto con il Nuovo Latina Lady e poi deciderà il mister se come dice lei sarà impiegata a “ difendere per non pensare a cosa fare e il corpo va da solo ”. E’ così nata una nuova definizione filologica del ruolo del difensore, una definizione animista e romantica che lascia davvero sorpresi, abbandonarsi al volere del corpo che va da solo affidandosi alla sua anima interna. Rosanna Pisano quindi vi attende con tutte le altre calciatrici per il Campionato Eccellenza Femminile e la curiosità è tanta. 


Quando hai iniziato?

Ho iniziato ad allenarmi nell’inverno 2017/2018 in maniera autonoma con amici, poi a fine 2018 ho iniziato ad allenarmi con una squadra di Latina di calcio a 5. 

Perchè la scelta del Calcio?

È iniziata per gioco, da piccola vedevo spesso le partite con mio nonno e mio padre, ma solo in tarda età ho scoperto quanto fosse emozionante correre con il pallone tra i piedi!

In che ruolo giochi?

Difensore, tra tutti quelli che ho provato è quello in cui mi sento di più a mio agio; il corpo va da solo e non devo pensare troppo a quello che devo fare.

Esperienze calcistiche?

Solo allenamento, qualche partita tra amici e un memoriale.
Che obbiettivi ti sei posta?

Sicuramente crescere a livello calcistico, trovare una bella squadra e divertirci!

Come pensi si possa crescere?


Allenandosi, giocando, sia vincendo che perdendo e tenendo sempre duro; è importante trovare la giusta sinergia, l’unione fa la forza e dalle esperienze si impara sempre.

Un aneddoto?

Spesso giocando coi ragazzi mi è capitato che mi sottovalutassero perché sono una donna e con poca esperienza; dopo un po’ di mesi a fine partite era bello raccogliere espressioni di stupore e complimenti per il miglioramento e le azioni effettuate in campo!


Vittorio Bertolaccini