Home » Fumagalli, difensore Novedrate:”Quando si perde una palla è sempre un rischio”
Intervista Squadra della settimana

Fumagalli, difensore Novedrate:”Quando si perde una palla è sempre un rischio”

Francesca Fumagalli,difensore del Novedrate, reduci dalla vittoria contro il Pavia 1911.

Come nasce il tuo amore per il calcio?
La mia passione per il calcio nasce da piccola all’età di circa cinque anni e questo lo devo a mio fratello. Io e lui abbiamo quasi nove anni di differenza e giocare a calcio in giardino era un po’ un nostro punto di incontro, qualcosa che avevamo in comune e dove potevamo stare insieme. Inoltre anche mio nonno mi ha trasmesso questa passione dal momento che spesso vedevamo le partite di Serie A insieme. Inoltre senza il supporto e la libertà dei miei genitori che mi hanno sempre sostenuto, sicuramente non avrei mai iniziato a giocare in qualche società, ma sarebbe rimasto un semplice gioco da giardino nel tempo libero.
Nel tuo ruolo è più facile essere criticata per una palla persa o per una “rubata” all’avversario?
Quando si perde palla è sempre un rischio e le critiche sono giuste se costruttive. E’ facile invece essere lodati e applauditi quando si fa qualcosa di buono per la squadra, il problema è forse cercare di dare supporto e incitamento anche quando le cose vanno male. 

Quanto contano tecnica e preparazione atletica per poter giocare bene le partite di campionato?
Sicuramente la preparazione atletica fa molto e aiuta, alla fine il calcio non è un gioco statico, ma bensì di movimento. Però mi hanno insegnato che se ci si muove bene si fatica di meno perché la palla non si stanca di correre a differenza dei giocatori. Per cui entrambe sono importanti, ma prediligerei l’avere una buona tecnica e anche una buona visione di gioco.
É per te passare dai tacchetti ai tacchi alti?
No direi di no. Ogni ambiente in certi casi ha un outfit che va rispettato e mi piace questa cosa. Quello che c’è in campo rimane in campo, per cui passo da una divisa e delle scarpe da calcio a un vestito senza problemi, ma ammetto che se possibile evito di indossare tacchi se posso optare per delle comode sneaker.