Home » Elena Linari, primo gol con la maglia dell’Atlético:”Sono orgogliosa e fiera di essere italiana”
Intervista Lady Sport

Elena Linari, primo gol con la maglia dell’Atlético:”Sono orgogliosa e fiera di essere italiana”

Oggi hai aperto le marcature, primo gol con questa maglia. Mi descrivi le tue emozioni?

Prima di tutto ti dico che era importante vincere. Era una partita difficile e sono contenta che la squadra abbia ottenuto i 3 punti. Poi ovviamente sono ancora più felice perchè ho aiutato la squadra in questa vittoria, segnando il 1º goal in trasferta dell’Atletico nel 2019 e il mio 1º goal con questa maglia. Sinceramente le emozioni sono tantissime perchè è veramente un sogno che si avvera per me. Avevo tanta voglia di segnare perchè ormai in Italia ero abituata a farlo. Spero sia il primo di tanti, ma soprattutto spero di poter aiutare la mia squadra ad ottenere i 3 punti.

Prime in classifica, 16 vittorie, siete una squadra ben affiatata?

Siamo una squadra veramente forte. Ci sono tante individualità che fanno la differenza, ma la cosa bella è che mettono queste loro caratteristiche a disposizione di tutta la squadra, ed è questa la cosa che ci sta facendo vincere le partite. Il Mister poi, col suo staff, ci sta aiutando ad amalgamarci sempre di più e questo sicuramente è fondamentale se vogliamo continuare a fare bene e a fare anche cose diverse rispetto a tutte le altre squadre della Liga!

Cosa ti porti di questa esperienza ai mondiali di Francia 2019?

I Mondiali ancora sono lontani, nonostante io sappia benissimo che il tempo vola e che non c’è da perdere tempo nel prepararsi a questo grande evento. Il Mondiale sarà un’esperienza unica nel suo genere e io vorrei riuscire a mettere a disposizione della Nazionale il professionismo che ho toccato con mano qui. La qualità del calcio che c’è, la voglia di giocare sempre la palla senza paura che te la rubino anche in occasioni quasi estreme. Mi auguro di poter far parte della “comitiva” che partirà per la Francia, ma questo ovviamente dipenderà da me, da ciò che farò con l’Atletico e anche dalle decisioni del Mister Bertolini.

Noi italiani siamo molto fieri di te, tu quanto lo sei di essere un’ italiana in una squadra estera vincente?

Sono orgogliosa e fiera di essere italiana, lo dico e lo dirò sempre e mi riempie ancora di più il cuore sapere che c’è tanta gente che mi segue anche se gioco lontana. È un’esperienza veramente importante per la mia carriera e per la mia vita. Volevo farla con tutta me stessa per mettermi alla prova e capire di che “pasta” sono fatta. Per ora, nonostante abbia passato anche momenti difficili e non voglio neanche negarli, non cambierei assolutamente niente di questa nuova “vita” all’estero.