Home » Conto alla rovescia verso il Mondiale. Sabatino: “Siamo qui per imporre il nostro gioco”
Approfondimenti Intervista

Conto alla rovescia verso il Mondiale. Sabatino: “Siamo qui per imporre il nostro gioco”

C

A Valenciennes allenamento davanti a 200 spettatori in vista dell’esordio con l’Australia. L’attaccante azzurro: “Non giochiamo per soldi, ma perché amiamo questo sport”

Allenamento a porte aperte questa mattina allo stadio ‘Christophe Laurent’ di Valenciennes per la Nazionale Femminile, un’ora e mezzo di lavoro sul campo per preparare l’esordio nel Mondiale con l’Australia. Circa duecento spettatori hanno seguito il secondo allenamento in terra francese delle Azzurre, che al termine della seduta hanno firmato autografi e posato per i selfie scattati dai giovani tifosi locali. Un clima ideale per fare da cornice al 26° compleanno di Laura Giuliani, festeggiata dalle compagne e da tutto lo staff.

Nel pomeriggio è stata la volta della conferenza stampa di Daniela Sabatino, 27 reti in Nazionale compresi i due gol realizzati nelle ultime amichevoli con Irlanda e Svizzera: “In campo si vede che siamo un gruppo unito – ha dichiarato l’attaccante del Milan descrivendo i punti di forza della squadra – che si rispetta e che lotta su ogni pallone. Stiamo bene tra di noi anche fuori dal campo. Cerchiamo di mettere in pratica tutto quello che la Ct ci chiede perché abbiamo la consapevolezza che insieme possiamo andare lontano. Non giochiamo per soldi, ma solo perché amiamo veramente questo sport”.

Sorriso contagioso, seconda marcatrice della Serie A con 17 gol alle spalle della compagna di squadra Valentina Giacinti (21), Sabatino è soprannominata ‘Alta tensione’: “Mi hanno ribattezzata così i tifosi del Brescia perché dicono che assomiglio un po’ a Pippo Inzaghi. E’ un mio idolo e in qualcosa mi rivedo in lui, ma c’è ancora tanto da lavorare”. E se Inzaghi nel 2006 a Berlino si è tolto la soddisfazione di alzare al cielo la Coppa, Daniela sta per scoprire l’emozione del suo primo Mondiale: “Siamo concentrate sulla partita di domenica. Non vediamo l’ora di dimostrare che non siamo qui solo per partecipare, ma per imporre il nostro gioco. Affronteremo tre ottime squadre, ma anche noi potremo dire la nostra. Vogliamo dimostrare che anche le donne sanno giocare a calcio”.

Con l’Australia Daniela potrà contare anche sul sostegno dei propri cari “Sono più tesi i miei familiari di me, sono contenta perché verranno a vedere la partita: speriamo che portino bene”.

cit. addetto stampa Nazionale Femminile