Home » Roventi, attaccante del FCF Como 2000:”Mi piace la gioia del gol”
Intervista Squadra della settimana

Roventi, attaccante del FCF Como 2000:”Mi piace la gioia del gol”

Claudia Roventi, attaccante del FCF Como 2000. Classe 2002, quest’anno segna il suo primo gol in serie B.

Come nasce il tuo amore per il calcio?

Ho sempre avuto la passione del pallone sin da piccola, giocando a scuola negli intervalli con i miei compagni di classe. Ho passato tutta la mia infanzia all’oratorio della mia città, giocavo sempre a calcio, fino a quando un giorno un allenatore della squadra del paese mi chiese se volessi andare a giocare con loro, non ci pensai due volte a dire di si. Da li iniziò il mio vero e proprio amore per il calcio. Ho giocato pochi mesi con loro, avevo 12 anni quindi non potendo più giocare in una squadra maschile, dovevo indirizzarmi verso una squadra femminile. Ho iniziato nel Real Meda, squadra che mi ha fatta crescere, che mi ha dato molte possibilità e soprattuto che mi ha fatto fare molte esperienze. Sono stata due anni con loro, poi mi arrivò una proposta dalla Como2000. Ho sempre pensato che se non ci provi non saprai mai come andrà, così ho accettato e ho iniziato una nuova esperienza.

None in classifica di un girone molto competitivo.Siete soddisfatte di questa stagione?

Si, sono soddisfatta da questa stagione sia a livello personale, sia a livello di gruppo. Nonostante io sia salita in prima squadra a metà anno, mi son subito ambientata benissimo. Seguivo già da prima le partite, e si è vista una notevole crescita dall’inizio a questo punto dell’anno. Siamo riuscite a formare un bellissimo gruppo, unito, e penso che sia l’elemento essenziale di una squadra. Abbiamo raggiunto i nostri obiettivi, ci siamo tolte soddisfazioni, e siamo riuscite a far vedere chi siamo anche contro squadre con maggiore esperienza della nostra. A livello personale son contenta di aver affrontato la realtà di un campionato di serie B a questa giovane età, per le possibilità che mi sono state date e che ho sempre cercato di sfruttarle al meglio.

Siete una decina di giocatrici giovanissime. É difficile dividersi tra scuola, amici ed allenamenti di calcio?

Siamo si in tante ragazze giovani, parlando per me non è mai stato difficile riuscire a organizzarmi con la scuola, e nonostante sia una ragazza a cui piace uscire e divertirmi, non è mai stato un “peso” quello di rinunciare ad una serata in compagnia perché magari il giorno dopo dovevo svegliarmi presto per una partita. Ho la fortuna anche di avere una famiglia che mi segue ovunque, e sono loro a fare i sacrifici più grandi. Mi accompagnano sempre loro agli allenamenti dopo aver lavorato tutto il giorno, non smetterò mai di ringraziarli.

Il tuo ruolo, attaccante, cosa ti da a livello emotivo e professionale?

Il ruolo dell’attaccante mi è sempre piaciuto, mi piace la gioia del gol. Fortunatamente questo anno sono riuscita a segnare il mio primo gol in serie B, una delle emozioni a livello calcistico che mai dimenticherò. Son stata e sono fortunata ad aver accanto a me persone che mi hanno sempre incitata per fare meglio.