Home » Ci hanno regalato una grande impresa
Intervista

Ci hanno regalato una grande impresa

L’Italia batte la Cina per due a zero e vola ai quarti di finali. Siamo tra le otto squadre più forti del mondo.

L’Italia è scesa in campo con la giusta concentrazione per affrontare una squadra forte nelle ripartenze e con una maggiore esperienza a livello internazionale. La Cina all’inizio ci ha dato più spazio e l’Italia ne ha approfittato con Elisa Bartoli ed Alia Guagni che spingendo sull’esterno sono state l’arma in più. Hanno avuto una fase di difficoltà solo nei primi venti minuti che pressavano poco, questo ha dato coraggio alle cinesi che sono diventate un po più pericolose, ma le loro incursioni sono state bloccate dalla sempre bravissima Laura Giuliani.

Al ’15 Valentina Giacinti porta l’Italia in vantaggio, e  potrebbe raddoppiare subito con un tiro della Bergamaschi parato dal portiere cinese.
Unica nota non positiva del primo tempo sono state Girelli e Bonansea che sono sembrate sottotono, infatti per la prima arriva il cambio al ’39, al suo posto entra Aurora Galli.
Nel secondo tempo le calciatrici azzurre rientrano in campo con il guizzo giusto ed arriva anche il secondo gol al ’49 che porta la firma di Aurora Galli.Il suo ingresso in campo ha portato più equilibrio alla squadra.Hanno chiuso qualsiasi tipo di inserimento e di incursioni.

La Cina ha avuto un momento di titubanza sia all’inizio del primo tempo che nel secondo tempo, dove l’Italia invece ha preso consapevolezza dei propri mezzi.

Al ’62 esce Bergamaschi ed entra Ilaria Mauro. Altro cambio al ’70, esce Barbara Bonansea ed entra Martina Rosucci.

La squadra ha sempre attaccato procurandosi numerosi azioni da gol.Sono state sempre concentrate e non si sono mai accontentate del risultato.

Le parole del CT Milena Bertolini “Partita difficile, forse non giocata bene, ma abbiamo raggiunto quello che volevamo. Abbiamo bisogno dell’Italia e degli italiani.”

Barbara Bonansea:”Ho pianto perché essere tra le prime otto al mondo è fantastico.Siamo state bravissime in difesa, sapevamo che erano molto organizzate e dovevamo pressarle e fare gol sui loro errori. Era una partita faticosa. Avevo dichiarato che si può sempre provare a vincere, siamo state grandi ad arrivare prime del girone.Giappone ed Olanda sono due squadre difficili, ma ora ci devono temere anche loro.”

Elisa Bartoli:”Siamo state ciniche, ma per vincere bisogna saper soffrire.”

Aurora Galli:”Abbiamo gestito molto bene la partita, il mio gol ha regalato più tranquillità alla squadra.Ho una dedica particolare al mio gruppo di amiche di Milano, che sono partite alle 4 del mattino per vedermi giocare.”