Home » Aurora Missaggia vince la prima edizione del Pallone D’Oro a Vicenza
Intervista Squadra della settimana

Aurora Missaggia vince la prima edizione del Pallone D’Oro a Vicenza

Aurora Missaggia,difensore e capitano del Vicenza, classe ’98: “Chi ha paura resti nello spogliatoio”

Come nasce il tuo amore per il calcio?

L’amore per il calcio non credo sia nato da qualcosa. Credo ci sia sempre stato fin da quando ne ho ricordi. Ho una fotografia a casa che mi ritrae con un pallone ai piedi che era più grande di me. Mamma mi ripete sempre che mentre gli altri bambini qualche volta mancavano la palla io la prendevo sempre.

All’inizio lei era un po’ contraria al fatto che io volessi giocare a calcio e ha provato a farmi praticare altri sport. Ma alla fine ha ceduto e ha lasciato dare il via ai miei sogni.

Sei il capitano di questa squadra.Pensi di aver trasmesso sul campo,  alle tue compagne  il tuo amore, la tua passione ed il tuo attaccamento alla maglia?

Essere il capitano credo sia il ruolo più bello all’interno di una squadra. Non è questione di avere solo la fascetta al braccio.  Devi essere autorevole evitando di essere autoritario. Devi caricarti sulle spalle il peso di quelle persone che pensano di non farcela e fargli capire che tutto è possibile. Devi parlare con le ragazze, farle sentire tutte parte di una famiglia, dalle più grandi alle più piccole.

Alle mie compagne non bisogna trasmettere l’attaccamento alla maglia. Loro sanno già tutto. È un gruppo fantastico che sa dove può arrivare e che ama la maglietta che insossiamo, la “R” che abbiamo cucita nel petto. Dobbiamo onorare la maglietta che indossiamo perché ha una grande storia.

Tutte facciamo sacrifici per partite e allenamenti e sono grata a tutte loro di farlo.

Hai vinto il Pallone D’Oro, cosa hai provato?

La vincita del pallone d’oro non era inaspettata, abbiamo trascorso mesi a raccogliere tagliandini e le mie ragazze mi hanno aiutato (società compresa). Ma questo dimostra quanto tengono a me e ne sono pienamente grata. Siamo un gruppo fantastico, credo il migliore che abbia mai avuto fino adora.

Cosa ti aspetti dalla prossima stagione?

Per la prossima stagione mi aspetto impegno e determinazione. Sappiamo dove possiamo arrivare e dobbiamo solo lavorare sodo per portare a casa ciò che ci meritiamo.

Serve l’aiuto di tutte. Tutte siamo indispensabili. Non siamo una squadra di fenomeni ma insieme, tutte insieme, possiamo andare oltre le aspettative.

All’inzio della scorsa stagione me ne sono uscita con una frase: “chi ha paura resti nello spogliatoio”.

Una frase che può sembrare banale ma che spinge ognuno ad andare oltre i propri limiti.

Non dobbiamo avere paura di nessuno perché solo insieme, solo da vera squadra possiamo superarci giorno dopo giorno.