Home » Algarve Cup, buona la prima: l’Italia batte in rimonta il Portogallo e conquista la semifinale
Conferenze stampa Intervista

Algarve Cup, buona la prima: l’Italia batte in rimonta il Portogallo e conquista la semifinale


Le Azzurre vanno sotto contro le padrone di casa, ma nella ripresa ribaltano il risultato. Sabato semifinale con la N. Zelanda.

Al termine di una partita molto combattuta, la Nazionale di Milena Bertolini batte il Portogallo conquistando a tempo quasi scaduto la semifinale dell’Algarve Cup. Dopo una prima frazione sottotono, terminata sull’1-0 per le padrone di casa, nella ripresa le Azzurre cambiano marcia e atteggiamento, velocizzando la manovra e attaccando la profondità con più determinazione. Al 78’ Linari trova di testa il gol del pareggio, mentre Girelli a pochi secondi dalla fine trasforma con forza e precisione il rigore conquistato da Cernoia, decisiva con il suo perfetto assist anche in occasione della prima rete.

Sabato 7 marzo (a Parchal, orario da definire) l’Italia affronterà in semifinale la Nuova Zelanda, che ha battuto ai rigori il Belgio nel terzo match della giornata inaugurale del torneo. Nell’altra parte del tabellone saranno Germania e Norvegia a contendersi l’accesso alla finale.

“Come ci aspettavamo è stata una partita molto difficile – dichiara a fine match Milena Bertolini – nel primo tempo abbiamo sbagliato l’atteggiamento e anche tatticamente avremmo potuto fare meglio. L’Italia che conosciamo è scesa in campo nella ripresa: siamo stati più aggressive, più determinate e abbiamo giocato da squadra, con il Portogallo che non è più riuscito a ripartire. In semifinale sfideremo una squadra molto fisica, dobbiamo recuperare le energie per farci trovare pronte”.

LA PARTITA – Per il primo appuntamento dell’anno Milena Bertolini si affida all’ormai collaudato 4-3-3. Accanto a Gama la Ct schiera Salvai, che ritrova il posto da titolare dopo la lunga assenza per infortunio. Ai loro lati Guagni e Boattin, a centrocampo il trio juventino Cernoia, Rosucci, Galli supporta il tridente formato da Sabatino, Bonansea e Girelli, che si scambiano spesso di posizione per non dare riferimenti alla difesa avversaria. I ritmi a inizio partita sono blandi, ma l’Italia controlla il gioco e al 18′ va vicina al gol con una conclusione dal limite di Cernoia. Al 34’ è il Portogallo a passare in vantaggio: sugli sviluppi di un calcio di punizione dalla trequarti, Diana Silva approfitta di una mischia dentro l’area per battere di testa Giuliani. Sul finire di tempo le Azzurre provano a velocizzare la manovra ma non trovano lo spunto giusto per impensierire l’attenta retroguardia portoghese.

Nella ripresa i reparti – come chiesto dalla Ct – sono più vicini e il fraseggio si fa più rapido. Al 58’ Guagni trova Girelli libera al centro dell’area, ma la girata della miglior marcatrice della Serie A viene bloccata dal la 20enne Pereira. Due minuti dopo il terzino della Fiorentina con un altro preciso cross serve Sabatino che di testa manda di poco a lato. Il gol del meritato pareggio arriva al 78’, sempre di testa, grazie a Linari – entrata al posto di Salvai – che approfitta del perfetto calcio d’angolo battuto da Cernoia per battere il portiere avversario. La rete sblocca mentalmente le Azzurre, che si fanno più intraprendenti schiacciando le padrone di casa nella propria metà campo. A tempo quasi scaduto la solita Cernoia, una delle migliori, viene atterrata in area di rigore e l’arbitro concede il rigore. Dal dischetto Girelli trasforma senza esitazioni aprendo all’Italia le porte della semifinale.

comunicato stampa FIGC

Foto dal Instagram di Cristiana Girelli