Home » Alcune dichiarazioni del live su Instagram di HVW tra Lazzari e Cavalca
Approfondimenti DICHIARAZIONI Intervista

Alcune dichiarazioni del live su Instagram di HVW tra Lazzari e Cavalca

La ripresa del campionato?


Cavalca: “Come in tutto ciò che riguarda il ‘ritorno alla normalità’ è giusto che chi ha le competenze per decidere lo faccio. Io morirei dalla voglia di tornare a giocare a calcio, ma chiaramente noi dobbiamo rispettare le scelte di chi meglio di noi sa come gestire queste situazioni”


Lazzari: “Mi piacerebbe riprendere, sperando di vederti esordire Anna, te lo meriteresti, ma la cosa importante è che lo si faccia in sicurezza. Se fosse per me giocherei anche a luglio o ad agosto, anche solo per rivederci, ma decideranno secondo basi solide e noi dovremo attenerci a quelle scelte”


Cosa vi manca di più?


Cavalca: “Alla fine è sempre lo spogliatoio, che è un punto di riferimento. Quello è ciò che manca più di tutti. Avere te e Sofia Meneghini vicino a me, dall’altra parte della stanza Giorgia Motta. Mettersi lì, io, te e Giò Motta, a cercare di capire quale sia l’abbigliamento migliore per cercare di resistere al freddo o al caldo”.


Lazzari: “Dico anche io le vicende in spogliatoio. Ricordo che quando sono arrivato ho pensato di mettermi vicino a te, che avevi così una faccia d’angelo. Invece poi è stata un’associazione a delinquere (ride, ndr). Mi manca Bianca Bardin che in modo ingombrante se ne va in giro per lo spogliatoio con i capelli all’. Ricordo quella volta che siamo arrivate al campo prima delle altre e siamo andate a fare quegli esercizi in palestra che di solito non si ha mai il tempo di fare: ci siamo perse parlando della partita che avevamo giocato con San Marino e siamo arrivate giù in campo con 5’ di ritardo. Non c’è stato nemmeno bisogno che ci dicessero di pagare la multa, l’ho fatto proprio con piacere”.


L’attaccante più difficile da marcare tra Pirone e Pasini?


Solo Lazzari: “Sono due attaccanti diverse: nel mio ruolo mi è facile trovare spesso di fronte Pasini, visto che fa di più l’attaccante esterno. È un ottimo attaccante, ha una buona tecnica. Pirone invece è proprio una punta centrale fastidiosa, penso che averla contro per un’intera partita sia difficile perché è tenace”.


La giocatrice che più vi ha impressionato in questo campionato?


Lazzari: “Io ho un debole per Tatiana Bonetti, è completamente imprevedibile e ha una qualità impressionante”


Cavalca: “Se devo scegliere un modello per il mio ruolo dico Bartoli, ma a me è sempre piaciuta molto Giugliano”. 


I prossimi Europei?


Lazzari: “Ormai c’è più gente che mi conosce come Cap della Gang della Curva che come calciatrice. Avrò il tempo di arruolare la qui presente Anna Cavalca per i prossimi Europei! Dove sarò l’anno prossimo? Hellas Verona, dove volete che sia?”


Cavalca: “Io mi metto a disposizione di Ilaria. Il ruolo nella Curva? Dove c’è bisogno”

Cit: addetto stampa dell’Hellas Verona Women

foto: sito ufficiale Hellas Verona